incontri speciali

Conosci quella frase…

“Le persone vengono nella tua vita per una ragione, per una stagione o per tutta la vita”?

E’ di questo che vorrei parlarti oggi: di incontri speciali.

Oggi ho voglia di farti fare un piccolo salto nella mia vita e farti sbirciare un po’ del mio mondo emotivo oltre a quello lavorativo che ti mostro anche troppo!

Forse ho scelto questo tema per il post perché vengo da settimane particolari, di lavoro a ritmi veloci.  Ma nonostante questo ho avuto (e ho anche dovuto) trovare il tempo per fermarmi a riflettere.

E così, qui… adesso, vorrei prima di tutto raccontarti un dettaglio della mia vita che penso di non aver mai scritto ne sui social, ne sul sito.

Negli anni dell’università ho fatto il clown di corsia negli ospedali.

L’ho fatto a Bologna nel reparto di Neuropsichiatria Infantile e poi l’ho fatto nelle missioni in Romania presso una casa famiglia in Transilvania.

Non sto qui a raccontarti che cosa significhi fare il clown in questi contesti perché mi servirebbe lo spazio di un romanzo, o forse due. Ma è proprio in una delle missioni in Romania che una ragazzina che stava nella casa famiglia ci lesse una lettera che conteneva la frase con cui ho aperto il post.

E in questi giorni così pensierosi sono giunta a una conclusione:

Tutta la mia vita è fatta di incontri speciali

Ovviamente non sono impazzita e un filo conduttore con questo bellissimo lavoro che faccio adesso c’è.

E’ come se qualsiasi esperienza importante della mia vita alla fine mi riporta verso i bambini e il loro meraviglioso mondo quindi potrebbe non essere un caso se ora mi ritrovo a cucire libri tattili e pupazzi coccolosi.

E un giorno ho scoperto che questa meravigliosa attività del cucito sarebbe potuta essere anche utile, molto utile, non solo a me.

Quel giorno mi ha scritto una mamma, una ragazza forte e straordinaria per cui nutro una profonda ammirazione, e mi ha portato nel mondo speciale di Ilary e di tutta la sua famiglia.

Poter realizzare qualcosa per loro è stato per me davvero emozionante ma più di tutto mi ha emozionato la finestra che questa mamma mi ha aperto per conoscere la loro vita.
Non è scontato e io mi sento infinitamente onorata e grata per tutto questo.

Anche se in questi giorni sono stanca morta perché vado a dormire tardi per fare in modo che tutti i bambini abbiano in tempo i loro magici regalini, sono grata.

Ed è una sensazione bellissima.

 

Questo è l’ultimo post che scriverò prima di Natale perché siccome sono stata brava mi prenderò una piccola pausa per spupazzare i miei nipoti a Torino.

Il mio augurio per te è questo:

Ti auguro di poter avere incontri speciali!

Pagina tratta da un libro di Natale realizzato per Ilary

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post comment